LA LA LAND, da vedere per credere.

Sono andata a vederlo prima che vincesse i 6 Oscar che ha vinto e partendo dal fatto che i musical non mi piacciono.
L’ultimo l’ho visto nella mia infanzia.
Ma adoravo e adoro entrambe gli attori sia Emma Stone che Ryan Gosling e quindi, visto il gran parlare, sono andata con ZERO aspettative.
Per me è strepitoso, un piccolo ed onesto capolavoro, come quei film che guardandoli sorridi estasiata da tutto, ti scopri contenta di esserci andata.
Il tutto è un Ryan Gosling bravissimo, che balla benissimo, e che ti fa venire in mente quei film che guardavi quando eri piccola, prima di scoprire la fantascienza:), e che hanno connotato la mia infanzia.
Film come “Agli uomini piacciono le bionde”, “Sette spose per sette fratelli”, a proposito di jazz, “a qualcuno piace caldo” “Pomi d’ottone e manici di scopa” … ecc ecc.
Emma Stone, che ha vinto l’Oscar come attrice protagonista per LA LA LAND, è brava ma non all’altezza di Gosling e si nota proprio la scioltezza del Ryan canadese.
Poi la trama … che sembra la classica trama di un film d’amore ma ad un certo punto cambia, si riavvolge e riparte dall’inizio.
L’ambientazione che ti sembra anni 80 fino a quando lei non risponde al cellulare, questo ti riporta ai giorni nostri.
Vedi la Los Angeles che puoi vedere solo se vai là. Non è un panorama classico, però è un panorama vero che ho visto quando ci sono andata.
Una Los Angeles che solitamente nei film non viene mostrata.

E’ bello e da vedere, e per fortuna ho vinto le mie resistenze.

Certo io, e non mi stancherò mai di scriverlo, l’Oscar lo davo ad Amy Adams che non era nemmeno nelle nominations per un film come Arrival che meritava l’Oscar di miglior film per il messaggio che da e perchè è parte di quella fantascienza che ti fa riflettere su te stessa.

Scheda del film:
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Anno 2016
Durata 128 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.55:1
Genere commedia, drammatico, musicale, sentimentale
Regia Damien Chazelle
Sceneggiatura Damien Chazelle
Produttore Fred Berger, Gary Gilbert, Jordan Horowitz, Marc Platt
Produttore esecutivo Michael Beugg, Mike Jackson, John Legend, Ty Stiklorius, Thad Luckinbill, Trent Luckinbill, Molly Smith
Casa di produzione Black Label Media, Gilbert Films, Impostor Pictures, Marc Platt Productions
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Linus Sandgren
Montaggio Tom Cross
Musiche Justin Hurwitz
Scenografia David Wasco
Costumi Mary Zophres

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Rock'N'Blog

You Need a Rock'N'Blog!

L'ultimo Spettacolo

- cineblog collettivo -

Malammore

Confessioni del principe dei ladri

Memoria Narrante

Giuseppina D'Amato|Libri

::: canovaccio di fotografia :::

侘 寂 Wabi Sabi - Imparare a vedere l'invisibile - Learning to See the Invisible

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Per noia e frustrazione

Quando non hai niente di meglio da fare

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

Without Clues

Post al Mercoledì e al Venerdì

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Cosa vuoi Vivian? Voglio la favola

racconti d'amore, sogni e sapori

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: